Come il Volontariato cambia una città

Written by Amministratore. Posted in Impegno Sociale

P1010726Gela (CL) – Dopo la conferenza nazionale del Volontariato a cui anche il MoVI Gela ha dato il suo contributo culturale, animando il laboratorio sulla sussidiarietà, a Gela si rilancia una presenza del volontariato che non deve essere subalterna agli enti ed alla politica ma capace di indicare strade nuove. Tutto questo senza perdere l’identità. Per questo motivo il 13 ottobre i quadri delle associazioni di Gela s’incontreranno presso la CASA DEL VOLONTARIATO, per definire le linee guida del prossimo anno. L’obiettivo prioritario è il coinvolgimento dei cittadini e il recupero della gratuità come elemento distintivo del volontariato. Enzo Madonia, presidente del MoVI e portavoce del Coordinamento Unico del Volontariato della città di Gela dichiara che:- <<Questo è un momento privilegiato perché il volontariato rifletta su di sé, sul proprio ruolo e sul peso della sua presenza nella città di Gela. Si tratta di chiedersi quanto possa essere valore aggiunto per il cambiamento di questa città in cui gli episodi di criminalità continuano senza sosta e la disoccupazione dilaga soprattutto tra i giovani>>. <<Eppure questa è la città che che conosce un volontariato diffuso e presente in ogni quartiere. Occorre chiedersi se non ci sia una deriva assistenziale frutto di una perdita d’identità del volontariato che non è più capace di guardare alle persone ma che guarda piuttosto ai propri interessi, alla crescita del parco macchine e alle convenzioni che lo stanno trasformando in un soggetto più a servizio degli enti più che delle persone>> La sfida oggi – continua Madonia – è di tornare a guardare non all’ente pubblico, ma ai cittadini in stato di bisogno. Per farlo bisogna riscoprire identità, mission e valori perchè il volontariato non risponde a obiettivi di performance, non siamo aziende, piuttosto a obiettivi valoriali>>. Le 32 associazioni del Coordinamento del Volontariato di Gela, hanno chiaro e molto bene il senso della gratuità e del dono. La realtà associativa che gravita intorno al MoVI ed alla Casa del Volontariato, è una realtà sana ecco perchè la sfida del prossimo anno è quella di allargare la partecipazione dei cittadini << per questo il volontariato di Gela, si prepara ad uno dei sui più importanti progetti degli ultimi anni: mille nuovi giovani volontari nelle associazioni e questo non solo per garantire un turn over e un ricambio generazionale, ma per promuovere la responsabilità sociale di tutti>>. Infine anche a margine dell’Assemblea Nazionale del Volontariato, il presidente del MoVI fa un riferimento alle imminenti Elezioni in sicilia affermando che << L’impegno volontario è certamente impegno politico che va inteso come strumento di azione sociale e non di partecipazione diretta. Il volontariato contribuisce con le proprie idee e visioni delle società e costruire percorsi sociali, prendendo posizione ma non è di parte, dunque non è legato a nessun partito e non ha propri candidati. Le associazioni sono composte da cittadini che come gli altri esercitano la propria scelta di voto nel pluralismo delle opzioni politiche>>. La novità di quest’anno per il Coordinamento del Volontariato, animato dal MoVI, riguarda anche il primo corso di formazione per Quadri del Volontariato e Quadri Junior a cui potranno partecipare i responsabili di associazioni con lo scopo di riscoprire i valori di base e i metodi per esercitare leadership nel territorio e nelle associazioni.

 

Tags: , , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

Baden Powell

QUANDO LA STRADA NON C’È, INVENTALA PER LASCIARE QUESTO MONDO UN PO’ MIGLIORE DI COME LO HAI TROVATO!

Contatti

info@enzomadonia.it